condividi
stampa
  • facebook
  • twitter
  • google+

Risultati della ricerca




  • Percorso naturalistico Sub-anello Nord del Natisone

    L’itinerario presenta una versione più corta dell’anello Nord del Natisone che si sviluppa in borgo Brossana. Lungo questo borgo, ora tranquillo e dimesso, nel medioevo transitava incessantemente un intenso flusso commerciale di provenienza transalpina. Il percorso attraversa la campagna coltivata e lambisce per un tratto la forra del fiume Natisone. Sotto il profilo idrografico, quest’area territoriale è attraversata dal tortuoso corso del Rio Emiliano, uno dei principali affluenti sulla riva destra del Natisone, ove si getta con un bel salto. Nell’area si incontra anche Borgo Viola, nome diffuso pure in altri paesi friulani, che trae origine dalla presenza di una viuzza defilata e discosta.

    Tempo di percorrenza: cc. 1 h e 15’

    Lunghezza: km. 4,500

    Dislivello: 44,60 ml

    Difficoltà: basso

    Punto di partenza/arrivo: via delle Mura incrocio con Borgo Brossana

    Colore percorso: rosso
    keyboard_arrow_right
  • Discesa al Natisone da Borgo Brossana

    Per accedere al Fiume Natisone da Borgo Brossana, lasciando la Chiesa di San Biagio sulla sinistra si prosegue lungo la strada fino al raggiungimento di una piccola piazzetta con alla sinistra una piccola casa restaurata. Si trova una scaletta che scende sul Fiume.

    Ulteriori Informazioni:
    L'accesso a questo percorso non è soggetto ad orari di visita.
    In caso di maltempo o di forte umidità si consiglia di prestare molta attenzione durante la percorrenza della scalinata.
    keyboard_arrow_right
  • Percorso urbano della Grande Guerra

    A oltre un secolo di distanza dallo scoppio della Grande Guerra, Cividale commemora i tragici eventi del confilitto che la coinvolsero direttamente, attraverso un percorso emozionale sui luoghi che furono scenario di importanti avvenimenti.
    Un invito a ripercorrere il passato attraverso ricordi ed immagini che hanno immortalato persone, cose, luoghi, istanti: nella città presente si sente ancora l' eco del conflitto che investì e travolse tutto e tutti.
    Percorrendo le strade e le piazze del centro cittadino sarà possibile individaure le tracce dei luoghi della guerra, dalla stazione dei treni, punto di arrivo dei giovani soldati che avrebbero poi dovuto proseguire a piedi verso le montagne , alla caserma, all' ospedale militare, al Ponte del Diavolo - fatto saltare e poi ricostruito - fino a raggiungere, fuori dalle mura cittadine, il cimitero monumentale.

    Il percorso dell "Grande Guerra" si compone di 10 tappe:

    1 - Vecchia stazione dei treni

    2 - Piazza San
    Giovanni

    3 - Borgo Brossana

    4 - Piazza Paolo Diacono

    5 - Largo Boiani

    6 - Stretta San Martino

    7 - Piazzetta Zorutti

    8 - Piazza del Duomo

    9 - Ponte del Diavolo

    10 - Borgo San Pietro


    Punto di partenza / arrivo :
    vecchia stazione dei treni

    Difficoltà : bassa
    keyboard_arrow_right
  • Carla sas

    Pantofoliera, confezioni da lavoro, magliette, scarpets, costui friulani da bambini e da adulto su ordinazione ed altri prodotti dell'artigianato locale, bandiere del Friuli.Dal 1937 al servizio dei clienti
    keyboard_arrow_right
  • Tiare

    Laboratorio artigianale di ceramica artistica.
    keyboard_arrow_right
  • Fornasaro

    Farmacia con particolare riferimento al naturale.
    Prodotti fitoterapici ed omeopatici.
    keyboard_arrow_right
  • Laboratorio Orafo "La Torre"

    Il laboratorio orafo artigianale crea a partire dal modello in cera gioielli in argento oppure in oro con pietre preziose mediante fusione a cera persa. Tutti gli oggetti sono pregiati pezzi unici.
    Vengono realizzati anche gioielli in stile longobardo.
    Si effettuano riparazioni, infilature e fusione utilizzando eventualmente il metallo del cliente per dare forma ad un nuovo oggetto progettato in collaborazione con l'acquirente e la maestra orafa Margherita Cozzi.
    keyboard_arrow_right
  • Bottega Longobarda

    La Bottega Longobarda nasce nel 1988 dopo anni di sperimentazioni nell'arte orafa longobarda del Maestro Orafo Luigi Iod, il quale ha voluto riproporre i magnifici gioielli dei suoi avi sia sotto forma di fedeli riproduzioni degli originali che in rivisitazione degli stessi in chiave moderna e attuale. Il Maesto Iod ha voluto trasmettere questo importante bagaglio di conoscenza al figlio Ivano, dandogli l'opportunità di continuare questa tradizione famigliare dell'artigianato orafo.
    keyboard_arrow_right
  • Antico Leon D'Oro

    Osteria con cucina tipica friulana, prodotti a Km.0 con menù stagionali.
    Organizzazione pranzi cene per gruppi turistici, banchetti e ricevimenti.
    keyboard_arrow_right
  • Macelleria Alla Corte Romana

    Situata all'interno della Corte Romana in centro storico,tipica macelleria friulana con prodotti tipici locali artigianali.
    keyboard_arrow_right
  • Wine&Beer Alturis

    Un agriturismo rivisitato.. un luogo di ristoro coi migliori prodotti locali, i Vini di Alturis e le fantastiche Birre Artigianali Gjulia e Toz.. Il tutto, immerso nei nostri vigneti..
    keyboard_arrow_right
  • Forum Julii Immobiliare

    L'agenzia FORUM JULII IMMOBILIARE riesce ad offrire un servizio rapido e trasparente ai propri clienti. La nostra missione è far si che chi si affida a noi si senta tutelato in tutte le fasi della compravendita o locazione. Specialisti nelle compravendite seguiamo puntigliosamente i nostri clienti dalla proposta al contratto preliminare fino al rogito notarile.

    L’agenzia si avvale della collaborazione di tecnici qualificati nel settore edilizio. Siamo disponibili a presentarvi i nostri partner commerciali e a guidarvi passo dopo passo in:

    - redazione di progetti di ristrutturazione
    - perizie estimative
    - relazioni tecniche per compravendita
    - redazione di attestati di prestazione energetica
    - scelte del mutuo
    - soluzioni di arredamento

    Orari di apertura

    Da lunedì a venerdì: Mattina 09.00 - 13.00 / Pomeriggio 15.00 - 19.00

    Sabato 09.00 - 13.00 su appuntamento

    Domenica chiuso.
    keyboard_arrow_right
  • Emporio Busolini Srl

    L'Emporio Busolini Srl, punto di riferimento nel Friuli Orientale per Imprese, Professionisti dell’Edilizia e Privati, è l’Azienda che opera a Cividale del Friuli da più di quarant’anni e commercializza, a prezzi concorrenziali, tutto ciò che occorre per costruire e ristrutturare casa.

    Il magazzino viene giornalmente rifornito di nuovi materiali e ciò ci consente di soddisfare ogni tipo di richiesta, anche di forniture specifiche e particolari. Un occhio di riguardo è rivolto al settore della bioedilizia.
    keyboard_arrow_right
  • Al Ponte La Botteguccia dei Sapori

    Siamo un negozio di specialità alimentari selezionate in tutta Italia.
    Produzione giornaliera di gubane e strucchi artigianali da accompagnare con lo sliwovitz (tipico distillato locale), grappe della distilleria Domenis di Cividale del Friuli. Offriamo una vasta gamma di formaggi e salumi tipici friulani, tutti prodotti da piccolo aziende artigianali. Disponiamo di un'ampia offerta di oli extra vergine d'oliva provenienti da tutta Italia.
    Disponiamo di corriere espresso in Italia e Europa. Accettiamo Carte di Credito e Bancomat.
    keyboard_arrow_right
  • Panificio del Foro

    Panificio con produzione quotidiana di oltre 50 formati di pane di varie pezzature e forme, inoltre abbiamo la pizza e la focaccia salata.
    Produzione artigianale riconosciuta di dolci tipici del Friuli, quali la Gubana e gli Strucchi cotti al forno, la focaccia dolce.
    Assortimento di cioccolatini sfusi e scatole delle seguenti marche: Venchi, Lindt, Baratti&Milano, creme spalmabili Babbi e Baratti, confetture artigianali Al.Frut
    Da abbinare con il pane affettati confezionati Citterio
    keyboard_arrow_right
  • Batik di Iuretig Sandra

    Vendita al dettaglio di mobili, oggettistica, abbigliamento e accessori, bigiotteria in pietre dure, argento, lana cotta ed altro proveniente da vari paesi esteri.
    keyboard_arrow_right
  • Enogastronomia

    La cucina tipica cividalese è tipica delle Valli del Natisone e del Friuli Orientali, come i vini e i formaggi.
    Prodotto per eccellenza è il frico (formaggio a scaglie, fatto cuocere lentamente in padella, a cui vengono aggiunti ingredienti come patate cipolle e porro).

    Un dolce tipico delle Valli del Natisone è la Gubana (a base di pasta dolce lievitata con un ripieno di noci, uvetta, pinoli, zucchero, liquore, scorza di limone, dalla forma a spirale e cotto al forno), e gli strucchi, pasta dolce fritta o lessa ripiena con uvetta, pinoli, noci e nocciole.

    La città si distingue anche per la sua produzione casearia.

    nei vigneti del cividalese si coltivano vitigni autoctoni come il Friulano, il Verduzzo, la Ribolla gialla, lo Schioppettino, il Refosco e il Picolit.
    keyboard_arrow_right
  • Chiesa di San Giovanni in Xenodochio

    L’edificio si affaccia su piazza S. Giovanni.
    La tradizione (comunque confermata da una diploma carolingio del 792) vuole che il duca longobardo Rodoaldo, verso la fine del secolo VII, avesse voluto costruire in questo luogo un ospizio di carità: da ciò il nome Xenodochio.
    Ora l’ospizio non esiste più, mentre c’è ancora testimoniata la chiesa ad esso un tempo annessa.
    Questa venne più volte rifatta; l’attuale versione risale alla metà del secolo XIX ed è opera di un architetto sconosciuto, ma vicino all’udinese Presani.

    La costruzione possiede pianta centrale, con presbiterio rialzato e due cappelle semicircolari laterali.
    La facciata intonacata è definita da quattro pesanti lesene con capitello corinzio che sorreggono un frontone inserito in un corpo rettangolare.
    La copertura del tetto è a padiglione . All’interno, il soffitto, raffigurante san Giovanni Evangelista circondato da quattro dottori, è opera di Palma il Giovane (1581).

    Il soffitto della sagrestia, attribuito a Giovan Battista Canal, risale alla fine del settecento e raffigura Giovanni Battista in gloria con la Vergine.
    La costruzione oggi visibile aveva un portico attiguo al di sotto del quale si radunava la vicinia a trattare i loro affari.

    Durante uno scavo archeologico eseguito nel 1916, nei pressi della chiesa vengono alla luce i resti di una basilica paleocristiana (secoli V-VI) e una necropoli con tombe romane e longobarde.
    keyboard_arrow_right
  • Museo Archeologico Nazionale (Palazzo dei Provveditori Veneti)

    Il museo fu fondato nel 1817 dal conte Michele della Torre Valsassina (1757-1844), studioso che condusse all'inizio dell'800, con sovvenzioni dell'Imperatore d'Austria Francesco I, importanti campagne di scavo a Cividale e nel territorio.

    Dalla seconda metà del XX secolo il Museo Archeologico Nazionale ha sede nello splendido Palazzo dei Provveditori Veneti, costruito nel XVI secolo su progetto di Andrea Palladio.

    Nell'edificio durante il periodo di dominio della Serenissima si sono avvicendati circa 150 Provveditori Veneti. Nell’Ottocento il palazzo ospitava uffici e dal 1895 la Pretura. Integralmente ristrutturato il palazzo è divenuto quindi sede museale.

    Il ricco patrimonio museale vanta reperti archeologici di epoca romana, paleocristiana, altomedievale, romanica e gotica, oltre ad importanti codici medioevali.

    Ulteriori informazioni
    Tel: +39 0432 700700
    E-mail: museoarcheocividale@beniculturali.it
    keyboard_arrow_right
  • Palazzo e Loggia del Comune

    Costruito fra il 1545 e il 1588 sulla preesistente Casa Comunale (1286) è dotato di loggiato ad archi a sesto acuto e mattoni a vista.

    Sui prospetti, al primo piano, tra monofore e bifore, vi sono alcune sculture come il Leone di San Marco, il busto entro cornice barocca raffigurante Domenico Mocenigo, Provveditore veneto di Sanità durante la pesete del 1682 e un ‘iscrizione a ricordo della visita (1816) dell’imperatore d’Austria Francesco I.

    L’edificio civile fu modificato nel 1935 quando si eliminò la scala esterna che portava al primo piano. Nel cortile interno, nel 1938 furono scavati alcuni ambienti di una casa romana (domus) del sec. I-II d.C.; sono visibili i resti di tratti di muri e mosaici pavimentati a motivi geometrici in tessere bianche e nere. La parte più antica del Loggiato accoglie un caffè storico.

    Davanti al palazzo, è collocata la statua bronzea di Giulio Cesare, copia (1935) di una scultura marmorea in Roma.

    Ulteriori informazioni
    Informacittà
    Tel: +39 0432 710460
    E-mail: informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right
  • Piazza Paolo Diacono

    È il cuore di Cividale.

    Sulla sinistra si staglia una casa del XV secolo che mantiene tracce di affreschi, tra i quali è ben visibile lo stemma di Cividale, e finestre a sesto acuto, che la tradizione vuole sia appartenuta alla famiglia di Paolo Diacono, storico longobardo che narrò del suo popolo; in fronte alla casa possiamo osservare una fontana con scultura settecentesca raffigurante Diana cacciatrice (1803).

    Sulla destra della fontana scorgiamo sulla pavimentazione, una lastra in pietra che indica il luogo ove, nel 1874, venne rinvenuta la cosiddetta tomba del duca longobardo Gisulfo ora esposta nel Museo Archeologico Nazionale (Piazza del Duomo). La piazza è ornata inoltre da altri splendidi palazzi.
    keyboard_arrow_right
  • Via Monastero Maggiore

    Cuore della città longobarda, la via, con il suo caratteristico acciottolato, conserva intatto tutto il fascino della storia. Sulla destra, per chi scende, la via è chiusa dalle alte mura del Monastero di Santa Maria in Valle: alcuni tratti di mura sono altomedievali e conservano le pietre squadrate originarie.
    Lungo la via, sulla sinistra, si apre salita pozzo di Callisto ove è ancora visibile il pozzo riconducibile al Palazzo Patriarcale di epoca longobarda. Proseguendo lungo la via, oltrepassata sulla destra l’incrocio delle strette Santa Maria di Corte e Cerchiari dove vi è la costruzione della Casa Medievale, si giunge alla Porta Brossana: le aperture alle estremità della volta, lunga oltre sette metri, sono ad arco tutto sesto. Varcata la porta uno slargo conduce alla Porta Patriarcale, in mattoni rossi, che appartiene alla cinta fortificatoria patriarchiale. Varcata anche questa porta, costeggiando sempre la cinta muraria del Monastero, si raggiunge piazza san Biagio ove sorge l’omonima chiesa.

    Ulteriori Informazioni
    Informacittà
    Tel: +39 0432 710460
    E-mail: informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right
  • Belvedere sul Natisone

    Dietro la vicina chiesa di san Martino è doverosa una sosta sull’area del Belvedere sul Natisone. Da questa posizione è possibile godere di uno spettacolo davvero straordinario: partendo dal ponte del Diavolo, lo sguardo segue la linea delle case affacciate a strapiombo sul fiume, i cui giardini regalano vedute colorate diversificate a seconda della stagione, scorge il profilo delle numerose torri campanarie che svettano maestose nel centro per raggiungere i contorni dolci delle colline e quelli imponenti del Matajur e del Monte Nero.

    Informacittà
    Tel: +39 0432 710460
    E-mail: informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right
  • Museo della Grande Guerra

    Museo della Grande Guerra - Polo Museale e culturale allestito all'interno della vecchia stazione ferroviaria di Cividale a cura dell'Ana Cividale (Associazione Nazionale Alpini).
    I locali ospitano una mostra permanente sulla realtà delle penne nere nel corso del conflitto del 1915/18 e la ricostruzione, in una stanza, dell'assetto di una trincea.

    Ulteriori informazioni:

    Orari di apertura: sabato e domenica: 09.30 - 12.00 / 15.00 - 18.00

    Per gruppi e visite in orari diversi e/o visite guidate contattare i referenti: Sig. Zanmarchi cell.+39 328 6693846 e/o Sig. Parpinel cell. +39 348 2493773

    Periodo di apertura: aperto tutto l'anno

    Biglietto: ingresso gratuito

    Lingue parlate: italiano

    Accessibilità: senza barriere architettoniche
    keyboard_arrow_right
  • A.S.D. Accademia Schermistica "Fiore dei Liberi"

    Presidente/L.R.: Bottos Iuri

    Breve storia dell'associazione: L'Accademia Schermistica "Fiore dei Liberi" è stata costituita a Cividale del Friuli il 27/07/1971 su iniziativa di 7 Soci Fondatiri. E' intitolata a Fiore dei Liberi, cittadino cividalese, autore del primo trattato di scherma "Flos duellatorum" del 1409. L'Associazione, sin dalla fondazione, come stabilito dallo Statuto: non scopo di lucro; ha per finalità lo sviluppo e la diffusione dell'attività sportiva connessa alla pratica dello scherma; accetta incondizionatamente di uniformarsi alle norme e direttive dei CIO, del CONI, del FIE, nonché agli statuti e ai regolamenti della Federazione Italiana Scherma. Dalla sua costituzione, la "Fiore dei Liberi" si è valsa dell'apporto di 7 Presidenti e di 8 Maestri di Scherma. Negli anni ha tesserato almeno 900 atleti/e e circa 80 dirigenti, tutti impegnati a promuovere e sostenere le finalità sportive dell'Associazione. Nel corso degli anni ha conseguito circa 110 titoli regionali, nelle diverse categorie e tre armi, e due titoli nazionali nel fioretto femminile negli anni 1975 e 1976, categoria giovanette, per merito della schermitrice Rossella Perletti. Altri atleti hanno sfiorato il titolo nazionale, partecipando in più occasioni alle fasi finali delle gare. La bacheca dell'Associazione è ricca di Trofei conseguiti in gare nazionali e internazionali sia individuali che a squadre.

    Descrizione Sintetica dell'attività: L'Accademia Schermistica "Fiore dei Liberi" ha avuto sempre sede a Cividale del Friuli (Ud). Ė stata ed è punto di riferimento per la conoscenza e la pratica della Scherma per i residenti nei 15 Comuni del Cividalese. Nelle Scuole Primarie dei suddetti Comuni viene svolta ogni anno attività motoria propedeutica alla Scherma con personale tecnico dell'Associazione e a titolo gratuito. L'Associazione ha partecipato e partecipa con assiduità ogni anno a numerosissime gare, sia regionali che nazionali, individuali e a squadre, in tutte tre le armi: fioretto, spada e sciabola. In campo organizzativo l'Associazione ha dato vita ad almeno 10 Tornei Internazionali. Frequenti gli scambi a partecipare a gare con Slovenia, Carinzia, Ungheria ed ex Cecoslovacchia.
    L'apertura della Sala Scherma è prevista per 5 giorni la settimana e ogni giorno gli atleti/e si alternano in tre turni in base alle categorie e armi, dai piccoli di 5 anni ancora alla Scuola dell'Infanzia, ai più "maturi", fino over 70, delle categorie Master. I locali, concessi in affitto dal Comune di Cividale, consentono l'installazione di 6 pedane fisse e, grazie all'abbattimento delle barriere architettoniche, la futura attivazione dei corsi di Scherma Paralimpica (Scherma in carrozzina).
    keyboard_arrow_right
  • A.S.D. Equiturismo Casali Duca

    Presidente/L.R.: Bevilacqua Miriam

    Breve storia dell'associazione: La nostra associazione inizia la sua attività nel 1999 con il nome di Equiturismo Chamir, per poi assumere la denominazione attuale “Equiturismo Casali Duca” nel 2004. In tale anno inoltre l'associazione si affilia alla F.I.S.E. (Federazione Italiana Sport Equestri). Scopo dell'associazione è la promozione e diffusione dell'equitazione.

    Descrizione sintetica dell'attività: Scuola equitazione americana; Corsi di equitazione con pony per bambini a partire da 5 anni; pony games; attività estive per bambini
    keyboard_arrow_right
  • Mostre in corso

    Chiesa di S.Maria dei Battuti

    Rassegna espositiva "Artigianato del FVG al Giro d'Italia 2016" - 26 artigiani interpretano il Giro d'Italia.

    Mostra aperta dal 29 aprile al 5 giugno 2016
    Inaugurazione: Venerdì 29 aprile alle ore 18.00

    Orari mostra:
    Venerdì dalle 17.00 alle 19.30
    Sabato e Domenica dalle 10.00 alle 19.30
    Venerdì 20 maggio, giorno della 13^ Tappa del Giro a Cividale, aperta tutto il giorno.

    Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
    Ufficio Categorie Confartigianato Imprese Udine
    tel. 0432516771
    e-mail: mtolloi@uaf.it
    www. confartigianatoudine.com
    keyboard_arrow_right
  • Mercato Settimanale

    Mercato cittadino di generi merceologici vari (alimentari e non) localizzato nella zona adiacente alla vecchia stazione ferroviaria di Cividale.

    Tutti i sabato mattina.

    info:
    Informacittà tel. +39 0432 710460
    informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right