share
print
  • facebook
  • twitter
  • google+

Search results




  • Rassegna di teatro in friulano

    RASSEGNA DI TEATRO IN FRIULANO

    5 spettacoli a ingresso gratuito presso il Teatro Adelaide Ristori

    Inizio spettacoli ore 18.00



    - 20 Ottobre 2019

    IL MIEDI PAR FUARZE

    Compagnia “EL TENDON” di Corno di Rosazzo - Regia di Marco Zamò


    - 10 novembre 2019

    CUANT CHE IL SORELI AL JEVE DI CHÊ ATRE BANDE

    Compagnia “BARABAN” di Pasian di Prato - Regia di Paola Ferraro


    - 24 novembre 2019

    LA MUROSE DI TRIEST

    Compagnia “I SGHIRAS” di Nogaredo di Corno - Regia di Elga Tomat


    - 15 dicembre 2019

    LA FAMEE ADDAMS

    “COMPAGNIA DI RAGOGNA” di Ragogna - Regia di Luca Ferri


    - 29 dicembre 2019

    DINO & DANILO (dal Tiliment al Nilo)

    Compagnia “TEATRO MARAVEE” di Osoppo - Regia di Federico Scridel
    keyboard_arrow_right
  • Stagione di Prosa Musica e Danza 2019-2020

    Stagione di Prosa Musica e Danza 2019-2020


    - Mercoledì 13 novembre 2019

    PROSA
    LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA

    Scritto da Davide Calabrese, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli
    musiche di Lorenzo Scuda
    con Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni,
    Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli (Gli OBLIVION)
    regia di Giorgio Gallione
    PRODUZIONE: AGIDI


    - Giovedì 5 dicembre 2019

    PROSA
    CHE DISASTRO DI COMMEDIA

    di Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields
    con Stefania Autuori, Luca Basile, Viviana Colais, Valerio Di Benedetto,
    Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Igor Petrotto, Marco Zordan
    regia di Mark Bell
    PRODUZIONE: AB MANAGEMENT


    - Martedì 17 dicembre 2019

    OPERETTA
    LA VEDOVA ALLEGRA

    musiche di Franz Lèhar
    librettista Victor Leòn - Leo Stein
    regia di Flavio Trevisan
    coreografie di Monica Emmi
    PRODUZIONE: NANIA SPETTACOLO / COMPAGNIA ITALIANA DI OPERETTE


    - Mercoledì 15 gennaio 2020

    PROSA
    IN NOME DEL PADRE

    di e con Mario Perrotta
    consulenza alla drammaturgia Massimo Recalcati
    musiche Beppe Bonomo, Mario Perrotta
    PRODUZIONE: TEATRO STABILE DI BOLZANO


    - Venerdì 24 gennaio 2020

    DANZA
    INDACO E GLI ILLUSIONISTI DELLA DANZA

    Regia di Cristiano Fagioli e Gianluca Giangi Magnoni
    coreografie di Cristiano Fagioli, Alessandra Odoardi,
    Ylenia Mendolicchio, Leonardo Cusinato
    musiche di Virginio Zoccatelli e Diego Todesco
    disegno luci di Cristiano Fagioli
    PRODUZIONE: RBR DANCE COMPANY
    CON LA COLLABORAZIONE DI A.ARTISTI ASSOCIATI


    - Venerdì 7 febbraio 2020

    PROSA
    RAFFAELLO

    di e con Vittorio Sgarbi
    musiche composte ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino
    PRODUZIONE: CORVINO PRODUZIONI


    - Venerdì 14 febbraio 2020

    PROSA
    IL TEST

    di Jordi Vallejo
    traduzione di Piero Pasqua
    con Roberto Ciufoli, Benedicta Boccoli, Simone Colombari,
    Sarah Biacchi
    regia Roberto Ciufoli
    PRODUZIONE: PIPA


    - Mercoledì 4 marzo 2020

    PROSA
    I MISERABILI

    dal romanzo di Victor Hugo
    adattamento teatrale di Luca Doninelli
    con Franco Branciaroli
    e con Alessandro Albertin, Silvia Altrui, Filippo Borghi, Romina Colbasso,
    Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Riccardo Maranzana,
    Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos, Valentina Violo
    regia di Franco Però
    PRODUZIONE: TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA / CTB CENTRO
    TEATRALE BRESCIANO /TEATRO DE GLI INCAMMINATI


    - Giovedì 26 marzo 2020

    MUSICA
    LUCIO INCONTRA LUCIO
    la vita, la storia e le canzoni di Lucio Dalla e Lucio Battisti

    scritto da Liberato Santarpino
    con Sebastiano Somma
    e con Sandro Deidda (sassofono), Guglielmo Guglielmi (pianoforte), Aldo Vigorito
    (contrabbasso), Giuseppe La Pusata (batteria), Lorenzo Guastaferro (vibrafono)
    e con le voci di Alfina Scorza, Emilia Zamuner, Paola Forleo, Luca Spina
    regia di Sebastiano Somma
    PRODUZIONE: ORCHESTRA DA CAMERA DELLA CAMPANIA


    FUORI ABBONAMENTO

    - Venerdì 10 gennaio 2020, ore 21.00

    MUSICA
    UN ALTRO MARE

    Concerto Orchestra Giovanile Filarmonici Friulani
    musiche di A. Piazzolla, N. Rosauro

    - Venerdì 21 febbraio 2020, ore 21.00

    COPPELIA
    Storie di bambole e di donne

    voce recitante, Lara Komar
    ensemble cameristico Sergio Gaggia
    adattamenti musicali a cura di Vladimir Mendelssohn e Davide Pitis
    testo scenico di Gianfranco Di Primio
    schizzi danzanti a cura della Scuola di Danza di Erica Bront
    Commissione e produzione dell'Associazione Musicale Sergio Gaggia di Cividale del Friuli


    PREZZI

    BIGLIETTI:
    Platea interi €. 24,00
    Platea ridotti €. 21,00
    Platea under 25 €. 15,00
    Galleria interi €. 21,00
    Galleria ridotti €. 18,00
    Galleria under 25 €. 12,00

    FUORI ABBONAMENTO PREZZI
    BIGLIETTI CONCERTO 10 GENNAIO:
    Biglietto unico €. 10,00
    Ridotto abbonati €. 8,00
    Scuole €. 5,00

    BIGLIETTI CONCERTO 21 FEBBRAIO:
    Biglietto unico €. 13,00
    Ridotto abbonati €. 10,00

    PREVENDITA BIGLIETTI:
    La sera dello spettacolo dalle 20
    Il teatro è aperto i lunedì precedenti gli spettacoli dalle 9 alle 12 per info e prevendita biglietti.
    keyboard_arrow_right
  • Buildings, squares, streets - without architecture barriers

    The itinerary begins at Piazza Paolo Diacono and, either of the two routes suggested will lead to the Town hall.
    The route then leads towards the Cathedral Square to "listen to the history" of the noble buildings, testament to the town's history : Palazzo Comunale, Palazzo de Nordis and Palazzo dei Provveditori Veneti; continuing towards Piazza San Francesco you can admire the eighteenth century Palazzo Brosadola whilst in Piazza Foro Giulio Cesare stands the monument to Adelaide Ristori, the actress of international fame who was born in Cividale del Friuli, an important voice of the Italian Risorgimento.
    We then reach Corso Mazzini and Palazzo Levrini Stringher, a building with frescoes showing sacred subjects and mythological scenes, and some historic scenes of town life such as the pharmacy.
    Continuing along via Carlo Alberto the route leads to Palazzo de Portis, owned by one of the most powerful noble families in the town, then crossing via Canussio you come to the beautiful Castle of the same name, finally arriving at Piazza Diaz with its Rationalist period architecture. Living in the present, recounting the past and with an eye on the future.

    Time needed: two hours and thirty minutes (entry - with fee - and visit to the Museo Archeologico Nazionale)
    Distance: three kilometres
    Difficulty level: easy

    Starting point: Piazza Paolo Diacono, 10 (Informacittà Helpdesk – Information and tourist centre)

    - Piazza Diacono: Palazzo ex Monte di Pietà e so-called house of Paul the Deacon
    - Via Patriarcato/Piazza Duomo: Palazzo dei Provveditori Veneti and Palazzo de Nordis
    - Corso Paolino d’Aquileia: Palazzo Comunale
    - Going along corso P. d’Aquileia / Stretta Stellini/ piazza San Francesco: Palazzo Brosadola
    - Foro Giulio Cesare: Monument to Adelaide Ristori
    - Piazzetta Terme Romane/ stretta de Rubeis/ corso Mazzini: Palazzo Levrini Stringher and Pharmacy
    - Via Carlo Alberto / p.tta de Portis: Palazzo de Portis
    - Via Canussio: Castello Canussio Craigher
    There is an alternative to this route with architectural barriers: buildings, squares and streets
    keyboard_arrow_right
  • Buildings, squares and streets

    The itinerary begins at Piazza Paolo Diacono and, either of the two routes suggested will lead to the Town hall.
    The route then leads towards the Cathedral Square to "listen to the history" of the noble buildings, testament to the town's history : Palazzo Comunale, Palazzo de Nordis and Palazzo dei Provveditori Veneti; continuing towards Piazza San Francesco you can admire the eighteenth century Palazzo Brosadola whilst in Piazza Foro Giulio Cesare stands the monument to Adelaide Ristori, the actress of international fame who was born in Cividale del Friuli, an important voice of the Italian Risorgimento.
    We then reach Corso Mazzini and Palazzo Levrini Stringher, a building with frescoes showing sacred subjects and mythological scenes, and some historic scenes of town life such as the pharmacy.
    Continuing along via Carlo Alberto the route leads to Palazzo de Portis, owned by one of the most powerful noble families in the town, then crossing via Canussio you come to the beautiful Castle of the same name, finally arriving at Piazza Diaz with its Rationalist period architecture. Living in the present, recounting the past and with an eye on the future.

    Time needed: two hours and thirty minutes (entry - with fee - and visit to the Museo Archeologico Nazionale)
    Distance: three kilometres
    Difficulty level: easy

    Starting point: Piazza Paolo Diacono, 10 (Informacittà Helpdesk – Information and tourist centre)

    - Stretta della Giudaica: Medievel House (with stairs/access ramp with cobblestones)
    - Via Monastero Maggiore/ stretta Cerchiari (slight gradient)
    - Piazza Duomo: Palazzo Provveditori Veneti (National Araeological Museum)
    - Corso Paolino d’Aquileia: Palazzo Comunale -
    Following corso P. d’Aquileia / Stretta Stellini/ piazza San Francesco: Palazzo Brosadola
    - Foro Giulio Cesare: Monument to Adelaide Ristori
    - Piazzetta Terme Romane/ stretta de Rubeis/ corso Mazzini: Palazzo Levrini Stringher and Pharmacy
    - Via Carlo Alberto / p.tta de Portis: Palazzo de Portis
    - Via Canussio: Castello Canussio Craigher

    There is an alternative to this route with architectural barriers: buildings, squares and streets - without architectural barriers
    keyboard_arrow_right
  • Historical outline

    Archaeological finds dating back to Palaeolith and the Iron Age revealed us that the current town had actually been inhabited since prehistory, whereas the Celtic civilization had been for sure developing and prevailing on the former Paleo-Venetians since 4th century b.C.

    In 50 b.C. Julius Caesar established here the forum, from which Forum Iulii, the ancient town name (the root of the current placename Friuli): the town achieved the rank of municipium and became soon one of the most important centres of the region as for commercial and military force.

    In 568 a.C. the Longobards came and Cividale won a lead role becoming the capital city of the first Longobard dukedom in Italy, held by Gisulf I, nephew of King Alboin.
    Later on, during king Liutprand’s reign, came also Callisto, the Patriarch of Aquileia: the coexistence of both top political and religious figures in the same place at the same time - the duke with the Longobard aristocracy and the Patriarch with all the hierarchy - definitively turned Cividale into a powerful religious and political capital city, as well centre of art and culture.

    It stood as Patriarch’s see even after Charlemagne (Charles the Great) succeeded in the Longobards expulsion (774 a.C.). Under rule of the Franks, Cividale, as capital city of the Eastern March of Regnum Italiae, held its political and religious prestigious position: between the late 9th century and the early 10th century it was named Civitas Austriae (i.e. eastern city), from which the current name derives.

    In 1077 emperor Henry IV granted the Patriarchate of Aquileia the power of jurisdiction - including duke’s privileges - over the whole Friulan territory, thus ratifying the administrative and territorial self-government of the Friulan Patriarchal State, as well as the role of Cividale as capital city of the Friulan Country.

    In the early decades of the 16th century also this city, as all the main Friulan centres, had to surrender to the conquering armies of the Republic of Venice: in 1420 Cividale submitted and was annexed for good to Serenissima’s dominions.

    In 1797, by means of the Treaty of Campoformido between Napoleon and Austria, Cividale came under Hapsburg empire rule, and that position, with the exception of a short period being a part of the Napoleonic Kingdom of Italy, was ratified by the Congress of Vienna in 1815. Between 1848 and 1866 it was characterized by a ively Risorgimento movement that brought, after the Third Independence War, to the annexation of Cividale to the Italian Kingdom, together with Veneto and Friuli regions.

    More recently, during the First World War the city hosted for a short time the headquarters of the Second Army Corps and it had heavy damages from air raids. After the heavy defeat in Caporetto, it was occupied by the Austrian army. Cividale stands among the Cities that are decorated for Military Valour in the Liberation War, and awarded with Silver Medal for Military Valour in virtue of its citizens’ sacrifice and resistance war actions by Partisans during the Second World War.

    Birthplace of important figures of world culture, such as the historian Paolo Diacono, the painter and scene-designer Francesco Chiarottini, the actress Adelaide Ristori and the puppet master Vittorio Podrecca, Cividale’s rich heritage is made of monuments and works of art testifying its historical evolution, as marked and enriched by foreign civilizations.
    keyboard_arrow_right
  • Foro Giulio Cesare

    La piazza che prende il nome di Foro Giulio Cesare è uno spazio risultante dalla demolizione di alcune case della proprietà ex de Claricini-Gaspardis che si affacciavano sull’attuale largo Boiani.

    Non essendo derivata da una pianificazione, l’area presenta irregolarità ed imperfezioni sia altimetriche che planimetriche sottolineate da un errato allineamento delle essenze arboree presenti. Queste alterazioni crearono delle incertezze quando si dovette collocare nel suo centro la scultura che commemorava l’attrice Adelaide Ristori, nata a Cividale nel 1822.

    I concittadini, alla sua morte avvenuta nel 1906, vollero ricordarla promuovendo un concorso per la realizzazione di un monumento degno dell’importanza dell’attrice che aveva raggiunto una fama internazionale.

    Lo scultore romano Antonio Maraini, che risultò vincitore del concorso, ritrasse la Ristori nel personaggio di Medea che indica con la mano la maschera della tragedia e nel posizionare l’opera chiese con insistenza il rispetto di quell’asse mediano della piazza che realizzava una ideale simmetria con il prospetto di palazzo de Claricini-Gaspardis.

    Non si tenne conto di questa richiesta: gli allineamenti del perimetro della piazza e la collocazione delle essenze arboree alterarono in modo evidente la presenza di questo asse creando una distorsione facilmente avvertibile. La realizzazione del monumento, rallentata dalla burocrazia, venne a concludersi poco prima dell’inizio della seconda guerra mondiale. Questo ritardo e l’evento bellico impedirono l’inaugurazione ufficiale dell’opera.

    Il nuovo progetto rispetta e ripropone in modo assoluto le volontà del Maraini.
    A dispetto delle incongruenze geometriche, della mancanza di ortogonalità, di parallelismi e di allineamenti, la composizione architettonica conferma, con un segno di grande forza, l’asse mediano come principale elemento generatore di una realizzazione speculare che esalta il monumento stesso e ne attesta la centralità. Per rafforzare questo concetto due lunghi elementi lapidei diventano sedili, fioriere, parapetti. Due gradini innalzano il monumento ed interrompono la superficie della piazza, altri gradini a lato scendono a livello degli ingressi di palazzo de Claricini-Gaspardis.

    Questa soluzione progettuale consente anche un nuovo utilizzo della piazza quale luogo di spettacoli all’aperto.
    Lo spazio si arricchisce con una pavimentazione in binderi di pietra piasentina posati su sabbia, come si faceva anticamente, con diverse direzioni di posa che nella parte centrale seguono la linea dell’asse generatore. Lo spazio viene esaltato per la sua essenzialità, mentre la profondità prospettica è la risultante delle linee parallele che delimitano il tratto centrale.

    Ulteriori informazioni
    Informacittà
    Tel: +39 0432 710460
    E-mail: informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right
  • Monumento ad Adelaide Ristori

    Il monumento celebrativo all’attrice Adelaide Ristori è opera dello scultore romano da Antonio Maraini: realizzato nel 1913 non fu mai inaugurato ufficialmente a causa della situazione contingente internazionale che impedì la partecipazione delle personalità dell’epoca alla cerimonia prevista il 30 agosto 1914; lo scoppio della I guerra mondiale accantonò definitivamente l’avvenimento.
    La statua posta su una base massiccia di granito raffigura l’attrice nell’atto di interpretare Medea, al lato, su colonne, le maschere della commedia e della tragedia.

    Adelaide Ristori nacque a Cividale del Friuli nel 1822. La sua carriera fu davvero straordinaria: iniziò sin da bambina nei ruoli di servetta assoluta o dell’ingenua per arrivare a recitare con la maggior compagnia primaria e stabile dell’epoca: la Reale Sarda di Torino.
    Passò velocemente a prima attrice e da grande professionista restrinse il suo repertorio a personaggi regali: Medea di Legouvè, Elisabetta Regina d’Inghilterra di Giacometti, Maria Stuarda di Schiller, Lady Machbet di Shakespeare, Mirra di Alfieri, Fedra di Racine, facendosi disegnare e cucire gli abiti e le scarpe dai migliori sarti italiani e francesi esclusivamente per lei. Frequentava Cavour e i Savoia.
    Fu la prima attrice a recitare in America. Girando tutto il mondo, recitò in inglese, francese, spagnolo e portoghese. Si ritirò dalle scene nel 1886, diventando dama di corte della Regina Margherita.
    Morì a Roma nel 1906.

    Ulteriori informazioni
    Informacittà
    Tel: +39 0432 710460
    E-mail: informacitta@cividale.net
    keyboard_arrow_right